Edison Green Movie

  • Il cinema è immaginazione. Immaginiamolo differente.

    Il set di un film è una carovana, un piccola città mobile, che mima e ripete quasi tutto quello che avviene in una vera città. Sul set si mangia, si cuce, si produce energia, si dipinge, si costruisce e si distrugge, si bagna e si asciuga.

    Edison, attraverso il progetto Edison Green Movie mira a portare nel cinema l’attenzione per un utilizzo corretto e consapevole dell’energia, minimizzando l’impatto ambientale dei film. L’obiettivo è quello di produrre un film sostenibile riducendone l’impatto ambientale, non soltanto compensando, ma risparmiando, usando fonti interamente rinnovabili e pratiche eco-compatibili in tutte le fasi della produzione.

    Per raggiungere questo obiettivo è stato elaborato in collaborazione con la casa cinematografica Tempesta, un protocollo (Edison Green Movie) destinato alle case di produzione per l’adozione di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale di un film.

    Edison Green Movie fornisce pertanto le linee guida per analizzare l’impatto ambientale di una produzione cinematografica e per ridurlo. Attraverso l’analisi puntuale di tutti i reparti tecnici che contribuiscono alla realizzazione di un film, sono stati individuati i consumi su cui è possibile intervenire per ridurre al minimo l’impatto ambientale di cose e persone. Sulla base di questi consumi sono stati redatti gli indicatori di sostenibilità da prendere in considerazione per valutare la performance ambientale di una produzione cinematografica.

    Gli indicatori di sostenibilità sono basati sulle seguenti attività: consumi energetici, trasporti di merci, trasporti di persone, consumi di materiali (carta, plastica, vetro, ecc.), gestione dei rifiuti, catering, coordinamento e comunicazione interna e compensazione.

    Le case di produzione che sceglieranno di adottare il protocollo verranno assistite nelle fasi di preparazione del film e durante le riprese sul set.

    L’uso del protocollo prevede una valutazione finale: i film che avranno raggiunto i risultati fissati riceveranno l’attestato Edison Green Movie.

    Il Protocollo è stato presentato al 65° Festival del Cinema di Cannes con un incontro dedicato.

    Durante l’incontro sono intervenuti:
    Isabella Ferrari
    Alessandro D’Alatri
    Carlo Cresto Dina (Produttore Tempesta)
    Andrea Prandi (Direttore Relazioni esterne e comunicazione)
    Gian Luca Farinelli (Direttore Cineteca di Bologna)
    Patrick Cellie (AzzeroCO2)

    Scarica la sintesi del protocollo Edison Green Movie.

    Articoli che riguardano questo progetto:

    Action4Climate arriva a Times Square!

    Action4Climate, la campagna per la lotta contro i cambiamenti climatici promossa dalla World Bank e che Edison supporta, campeggia in questi giorni a Times Square, NY. Lo fa attraverso una carrellata dei video di tutti i giovani filmaker che hanno partecipato al concorso. Siamo ora pronti per la premizione dei vincitori in autunno. Siamo stati subito felici di sostenere il progetto della World Bank. L’arte e la creatività hanno un forte potere di coinvolgimento dei giovani verso le tematiche ambientali. Per questo supportiamo Action4Climate, perchè si integra in maniera sinergica con il protocollo Edison Green Movie. L’obiettivo comune è quello di creare da un lato sempre più opportunità di informazione e dibattito sui mutamenti climatici che riguardano tutti noi e … » leggi tutto

     

    C’è un nuovo cinema all’orizzonte!

    “Il Capitale Umano”, l’ultimo film di Paolo Virzì, prodotto da Indiana Production con Rai Cinema e con Manny Film, che uscirà in 350 sale cinematografiche il 9 gennaio 2014, è il primo film ad applicare “Edison Green Movie”, il protocollo per il cinema sostenibile dedicato alle case di produzione cinematografiche per l’adozione di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale di un film. Il Protocollo Edison Green Movie, come sapete, sviluppato da Edison e e Tempesta, fornisce le linee guida per analizzare l’impatto ambientale di una produzione cinematografica e per ridurlo. Attraverso l’analisi puntuale di tutti i reparti tecnici che contribuiscono alla realizzazione di un film, sono stati individuati i consumi su cui è possibile intervenire per ridurre al minimo l’impatto ambientale … » leggi tutto

     

    Olmi va in America: la cultura italiana negli USA

    Tra pochi giorni partirò per un viaggio molto speciale che mi porterà a New York per raccontare come è nato il cinema industriale in Italia e, in particolare alla Edison. Le occasioni sono due: la prima, il nostro contributo all’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti e la seconda,  i festeggiamenti del 2 giugno, festa della Repubblica che anche negli USA viene ampiamente celebrata da tutta la comunità italiana. In questa occasione, insieme a Sergio Toffetti, direttore dell’Archivio Nazionale del Cinema d’Impresa, presenteremo al pubblico americano tre cortometraggi del nostro celebre ex-collega Ermanno Olmi, frutto della strettissima relazione tra cinematografia e letteratura. L’iniziativa fa infatti parte di “Words on Screen – New Italian Literature into Film” la due giorni di ANICA e AIE, sostenuta dal Ministero … » leggi tutto

     

    Edison Green Movie sbarca in Europa

    “Edison Green Movie sbarca in Europa e partecipa alle selezioni per l’Award Competition 2013 della Sustainable Energy Week, la 7 giorni promossa tutti gli anni dalla Commissione Europea dedicata alla sostenibilità nel mondo dell’Energia. Fai il tifo per noi e segui la nostra avventura, dal 24 al 28 Giugno su http://www.eusew.eu. Una bella possibilità per condividere in Europa l’idea di un cinema sempre più attento all’impatto… non solo visivo!” Guarda il video di Edison Green Movie

     

    Edison Green Movie: l’opinione degli addetti ai lavori

    Di ritorno dal Festival del cinema di Cannes, dove abbiamo presentato Edison Green Movie, il nostro progetto per il cinema sostenibile, vi presentiamo i primi commenti degli addetti ai lavori. Prima di tutto, Carlo Cresto-Dina, della casa di produzione tempesta, ideatore e partner del nostro progetto. Quando ci ha proposto di realizzare il protocollo, Carlo aveva in mente un obiettivo ben preciso: “Esistono già film che si dichiarano a emissioni zero ma si tratta solo di azioni compensative: inquino, spreco e alla fine tiro un colpo di spugna, piantando alberi in qualche parte del mondo. A noi interessava andare oltre, studiare un protocollo che analizzasse tutte le fasi di produzione e proponesse soluzioni attive, per fare cinema in modo meno pesante … » leggi tutto

     

    Leggi altri articoli che riguardano questo progetto »